Il Gruppo Padano di Piadena

- HOME PAGE
- BIBLIOTECA POPOLARE DI PIADENA
- QUADERNI DI PIADENA
- COOPERAZIONE
- CANTI POPOLARI RACCOLTI
- CANTI CREATI
- EMIGRANTI
- ALBUM FOTOGRAFICO
- IL GRUPPO PADANO OGGI


EMAIL

Nota per il visitatore di Internet

Il quaderno “L’Italia l’è malada” è stato pubblicato e distribuito in occasione del primo concertodel Gruppo Padano di Piadena che si è tenuto presso la Federazione Provinciale delle Cooperative e Mutue di Cremona (vedi foto) il 3 aprile 1964.  I canti sono stati preceduti da una presentazione di Mario Lodi che li ha collocati nel contesto storico.

Per la pubblicazione del fascicolo è stato denunciato, da parte dell’allora brigadiere della Caserma dei Carabinieri di Piadena, il responsabile del Gruppo Padano, assolto però perché “il fatto non costituiva reato”.

Nella foto:
3 aprile 1964: Franco Dolci, presidente della Federazione provinciale delle Cooperative e Mutue introduce la comunicazione “L’Italia l’è malada”.
Seduti, da sinistra, i componenti del Gruppo Padano: Cesarina Flisi, Bruno Fontanella, Delio Chittò, Amedeo Merli, Sergio Lodi.
Tra il pubblico Gianni Bosio, direttore delle Edizioni Avanti!, storiografo e uno tra i più importanti ricercatori di documenti sulla cultura popolare.
Mario Lodi presenterà poi i singoli canti collocandoli nel loro contesto storico.

Presentazione del quaderno

Il Gruppo Padano di Piadena del "Nuovo Canzoniere Italiano" ha iniziato una nuova e originale attività nel quadro delle manifestazioni culturali che da vari anni si svolgono presso la Biblioteca Popolare di Piadena. Il compito di detto gruppo è per ora di reperire, nel filone del canto popolare spontaneo, testi, motivi, documenti di particolari situazioni locali; e di divulgare questi canti come autentiche prove di espressività popolare.
In questo fascicolo sono raccolti i testi dei canti presentati nella prima manifestazione pubblica del Gruppo piadenese, e precisamente lo spettacolo "L'ITALIA  L'E'  MALADA", nel quale attraverso il canto popolare, è ritratta la storia d'Italia degli ultimi cento anni.

 

                                         LA BOJE    !  

                     L'Italia l'è malada,
                     Sartori l'è èl duttur
                     per fa guari l'Italia
                     per fa guari l'Italia.

                                       L'Italia l'è malada,
                                       Sartori l'è èl duttur
                                       per fà guari l'Italia
                                       taium la testa ai siur.

 

  TRENTA GIORNI DI NAVE A VAPORE

                     Trenta giorni di nave a vapore
                     fino in america noi siamo arrivati
                     fino in America noi siamo arrivati
                     abbiam trovato nè paglia nè fieno.
                     abbiam dormito sul piano e terreno
                     come le bestie abbiamo riposà.  

                                    America allegra e bella
                                    tutti la chiamano l'America sorella
                                    tutti la chiamano l'America sorella
                                    tialallalà lalallalà lalalallalà.

                     Andremo coi carri dei zingari
                    andremo  coi carri dei zingari
                     andremo coi  carri dei zingari
                     in America voglio andar.

                                      America allegra e bella
                                      tutti la chiamano, l'America sorella                                       
                                      tutti la chiamano, L'America sorella
                                      tialallalà lalallalà lalalallalà.

                   E l’America l’è lunga e l’è larga
                   L’è circondata da monti e da piani
                   E con l’industria dei nostri italiani
                   Abbiam fondato paesi e città.  

 

                                       INNO DELLA RIVOLTA

                     Nel fosco fin del secolo morente
                     sull'orizzonte cupo e desolato
                     già spunta l'alba minacciosamente
                     del dì fatato.                                    

                                    Urlan l'odio, la fame ed il dolore
                                    da mille mille facce ischeletrite
                                    ed urla col suo schianto redentore
                                    la dinamite.

                    Siam pronti e su pèl selciato di ogni via
                    spettri macabri del momento estremo
                    sul labbro il nome santo d'Anarchia
                     insorgeremo.

                                      Per le vittime tutte invendicate
                                      là nel fragor dell'epico rimbombo
                                      compenseremo sulle barricate
                                      piombo con piombo.

                     E noi cadremo in un fulgor di gloria
                     schiudendo all'avvenir novella via
                     dal sangue spunterà la nuova istoria
                     dell'Anarchia.

 

                             ADDIO A LUGANO

                     Addio Lugano bella
                     o dolce terra pia
                     scacciati senza colpa
                     gli Anarchici van via
                     e partono cantando
                     con la speranza in cuor.

                                       E tu che ci discacci
                                       con una vil menzogna
                                       repubblica borghese
                                       un dì ne avrai vergogna
                                       eppur la nostra idea
                                       era un'idea d'amor.

                     Scacciati senza colpa
                     andrem di terra in terra
                     a predicar la pace
                     ed a bandir la guerra
                     la pace tra gli oppressi
                     la guerra agli oppressor.

                                     Addio cari compagni
                                     amici che restate
                                     le verità sociali
                                     da forti propagate:
                                     e questa è la vendetta
                                     che noi vi domandiam.

                     Elvezia il tuo governo
                     schiavo d'altrui si rende
                     d'un popolo gagliardo
                     le tradizioni offende
                     e insulta la leggenda
                     del tuo Guglielmo Tell.

                                       Addio cari compagni
                                       amici ticinesi
                                       addio bianche di neve
                                       montagne luganesi
                                       i cavalieri erranti
                                       sono cacciati a nord.

 

                              MAMMA MIA MI SON STUFA

                    Mamma mia mi son stufa
                    o de fà la filerina
                    el cal e el poc a la matina
                    el provin do voeult al dì.

                                       Mamma mia mi son stufa
                                       Tut ol dì a fà andà l'aspa
                                       voglio andare in bergamasca
                                       in bergamasca a lavorar.

                     El mester de la filanda
                     l'è el mester degli assassini
                     poverette quelle figlie
                     che son dentro a lavorar.

                                       Siam trattati come cani
                                       Come cani alla catena
                                       Non è questa la maniera
                                       O di farci lavorar.

                   Tucc me disen che son nera
                   e l'è el fumm de la caldera
                   el mio amor me lo diceva
                   di non far quel brut mester.

                                      Tucc me disen che son gialda
                                       l'è el filor de la filanda
                                       quando poi sarò in campagna
                                       miei color ritornerà.

                               

  

                     ALLA MATTINA BONORA                     

                     A la mattin bonora
                     si sente a supelar
                     saranno le filere lerà
                     saranno le filere lerà
                     A la mattin bonora
                     si sente a supelar
                     saranno le filere lerà
                     che vanno a lavorar.

                     O giovanotti cari
                     se vuri fare l'amor
                     andè dalle filere lerà
                     andè dalle filere lerà
                     O giovanotti cari
                      se vuri fare l'amor
                      andè dalle filere lerà
                      non stè a guardaghe il color.  

                     Non stè a guardaghe i colori
                     non stè a guardaghe le man
                     l'è el fum dè la caldera lerà
                     l'è èl fum dè la caldera lerà
                     Non stè a guardaghe i colori
                     non stè a guardaghe le man
                     l'è el fum de la caldera lerà
                     li dis che èl ghe fa mal.

(canto raccolto presso la Biblioteca Popolare di Piadena il 12/11/1963 portatrice Bona Adelaide, casalinga).

           

 

                                           SON  CIECO

                     Son cieco e mi vedete
                     devo chieder la carità
                     ho quattro figli piangono
                     del pane non ho da dar.

                                       Noi anderemo a Roma
                                       davanti al papa e al re
                                       noi grideremo ai potenti
                                       che la miseria c'è.

                     E per le vie di Roma
                     la bandiera vogliamo alzar
                     sventola la bandiera
                     il socialismo trionferà.

           

 

                                LA CANZONE DELLA LEGA

                     Sebben che siamo donne
                     paura non abbiamo
                     per amor dei nostri figli,
                     per amor dei nostri figli
                     Sebben che siamo donne,
                     paura non abbiamo

                     per amor deA lio lio là
                                       e la lega la crescerà
                                       e noialtri socialisti
                                       e noialtri socialisti
                                       a  lio lio là
                                       e la lega la crescerà
                                       e noialtri socialisti
                                       vogliamo la libertà.

                     E la libertà non viene
                     perché non c'è l'unione
                     crumiri col padrone
                     crumiri col padrone
                     E la libertà non viene
                     perché non c'è l'unione
                     crumiri col padrone
                     son tutti d'ammazzar.

                                         A lio lio là ecc.

                      E voialtri signoroni
                      che ci avete tanto orgoglio
                      abbassate la superbia
                      abbassate la superbia
                      E voi altri signoroni
                      che ci avete tanto orgoglio
                      abbassate la superbia
                      e aprite il portafoglio.

                                       A lio lio là ecc.

           

 

                                             E PER LA STRADA

                     E per la strada gridava i scioperanti
                     non più  vogliam da voi restar sfruttati
                     siam liberi siam forti e siamo in tanti
                     e viver non vogliam da carcerati.

                                       E nelle stalle più non vogliam morir
                                       è giunta l'ora siam  stanchi di soffrir.

                     Ma da lontano giungono i soldati
                     avanti tutti insieme coi padroni
                     e contro gli scioperanti disarmati
                     s' avanzan sguainando gli squadroni.

                                      Essi non fuggono forti del loro ardir
                                      i figli del lavoro son pronti anche a morir.

                     Eppur convien restar senza dolore
                     pronti a soffrir la fame ed ogni tormento
                     bisogna far tacer pur anco il cuore
                     di madre il puro affetto e il sentimento.

                                       Sebben oppressi e torturati ancor
                                       noi combattiamo sempre combatteremo ognor.

                     E presto il di verrà che vittoriosi
                     vedrem la redenzione nell'albeggiare
                     muti staran crumiri e paurosi
                     vedendo l'idea nostra trionfare.

                                        Così il lavoro redento alfin sarà
                                        e il sol del socialismo su noi risplenderà.

           

 

                                  ADDIO PADRE

                     Addio padre e madre addio
                     che per la guerra mi tocca di partir
                     ma che fu triste il mio destino
                     che per l'Italia mi  tocca morir.

                                      Quando fui stato in terra austriaca
                                       subito l'ordine a me l'arrivò
                                       si dà l'assalto la baionetta in canna
                                       addirittura un macello diventò.

                     E fui ferito ma una palla in petto
                     e i miei compagni li vedo a fuggir
                     ed io in terra rimasi costretto
                     mentre quel chiodo lo vedo a venir.

                                       Fermati o chiodo che sto per morire
                                       pensa a una moglie che piange per me
                                       ma quell'infame col cuore crudele
                                       col suo pugnale morire mi fè.

                     Voi altre mamme che soffrite così tanto
                     per allevare la bella gioventù
                     nel cuore vi restano lacrime e pianto
                     pei vostri figli che muore lassù.

                                       Sian maledetti quei giovani studenti
                                       che hanno studiato e la guerra voluto
                                       hanno gettato l'Italia nel lutto
                                       per cento anni dolor sentirà.

           

 

                                   LA TRADOTTA

                     E la tradotta che parte da Novara
                     era diretta al monte Santo
                     era diretta al monte Santo
                     il cimitero della gioventù.

                                       Sulle montagne fa molto freddo
                                       e i miei piedi si son gelati
                                       e i miei piedi si son gelati
                                       all'ospedale mi tocca andar.

                     Appena giunto all'ospedale
                     il professore mi ha visitato
                     “o figlio mio sei rovinato
                     ed i tuoi piedi ti dobbiam tagliar”.

                                       Ed i miei piedi mi hanno tagliato
                                       due stampelle mi hanno dato
                                       due stampelle mi hanno dato
                                       a casa mia lor mi han mandà.

                    A casa mia mi sono arrivato
                    fratelli e madre in cor piangenti
                    e tra singhiozzi e tra lamenti
                    o figlio caro tu sei rovinà.

                                       Mi hanno assegnato una pensione
                                       di una lira e cinquant'otto
                                       mi tocca fare il galeotto
                                       per potermi ben disfamar.

                     Ho girato tutti i paesi
                     e tutti quanti  ne hanno compassione
                     ma quei vigliacchi di quei signori
                     nemmeno un soldo lor mi hanno dà.

           

 

                                      LE OTTO ORE

                     Se otto ore vi sembran poche
                     provate voi a lavorar
                     e troverete la differenza
                     di lavorar e di comandar.

                                       E noi faremo come la Russia
                                       noi squilleremo il campanello
                                       falce e martel
                                       e squilleremo il campanello
                                       falce e martello trionferà.

                     E noi faremo come la Russia
                     chi non lavora non mangerà
                     e quei vigliacchi di quei signori
                     andranno loro a lavorar.

           

 

                                    POVERO MATTEOTTI

                     Povero Matteotti
                     te l' hanno fatta brutta
                     e la tua vita
                     te l' han tutta distrutta.

                                       E mentre che moriva
                                       morendo lui diceva
                                       “voi uccidete l'uomo
                                       ma non la sua idea”.

                     E mentre che moriva
                     Con  tutto il suo eroismo
                     gridava forte, forte
                     evviva il socialismo!

                                   Vigliacchi sono
                                     L’han fatto trucidare
                                     Noialtri proletari
                                     Lo sapremo vendicare.

           

 

                                       VIVA LA QUINCE BRIGADA

                    Viva la Quince Brigada, rumba rumba rumbambà
                    viva la Quince Brigada, rumba rumba rumbambà
                    que se ha cubierto de gloria, ay Carmela ay Carmela
                    que se ha cubierto de gloria, ay Carmela ay Carmela.

                              Luchamos contras los moros, rumba rumba rumbambà
                              Mercenarios y facistas, rumba rumba rumbambà
                              que se ha cubierto de gloria, ay Carmela ay Carmela
                              que se ha cubierto de gloria, ay Carmela ay Carmela.

                    Solo es  nuestro deseo, rumba rumba rumbambà
                    acabar con el fascismo, rumba rumba rumbambà
                    que se ha cubierto de gloria, ay Carmela ay Carmela
                    que se ha cubierto de gloria, ay Carmela ay Carmela

                             En el frente del Jarama, rumba rumba rumbambà
                            
no tenemos ni aviones, rumba rumba rumbambà
                             ni tanques ni canones, ay Carmela ay Carmela

                    Ya salimos de Espana, rumba rumba rumbambà
                    a luchar en otros frentes, rumba rumba rumbambà  
                    que se ha cubierto de gloria, ay Carmela ay Carmela
                    que se ha cubierto de gloria, ay Carmela ay Carmela

                         Traduzione di viva la Quindicesima Brigata

                     Viva la Quindicesima Brigata
                     che si è coperta di gloria, o Carmela o Carmela

                                  Combattiamo contro i mori
                                  mercenari e fascisti

                     Il nostro unico desiderio
                     è di farla finita col fascismo

                                  Sul fronte di Jarama
                                  non abbiamo areoplani
                                  ne carri armati ne cannoni,

                     Ormai abbandoniamo la Spagna
                     per lottare su altri fronti  

           

 

                              CANTO DEI DEPORTATI

                     Fosco è il cielo sul lividore
                     di paludi senza fin
                     tutto intorno  è già morto o muore
                     per dar "gloria" agli aguzzin.

                                      Sul suolo desolato
                                      con ritmo disperato
                                      zappiam !

                     Una rete spinosa serra
                     il deserto in cui moriam
                     non un fiore su questa terra
                     non un trillo in cielo udiam.  

                                      Sul suolo desolato
                                      con ritmo disperato
                                      zappiam !

                     Botte, grida, lamenti e pianti
                     sentinelle notte e dì
                     suon di passi, di mitra e schianti
                     è la morte a chi fuggì.

                                      Sul suolo desolato
                                      con ritmo disperato
                                      zappiam !

                     Pure un giorno la sospirata
                     primavera tornerà
                     dai tormenti la desiata
                     libertà rifiorirà.

                                      Dai campi del dolore
                                      rinascerà la vita
                                      doman!

           

 

                                    PIETA'  L'E'  MORTA

                     Lassù sulle montagne
                     bandiera nera
                     è morto un partigiano
                     nel far la guerra.

                                      E' morto un partigiano
                                      nel far la guerra
                                      un altro italiano
                                      va sotto terra.

                     Laggiù sotto terra
                     trova un alpino
                     caduto nella Russia
                     con   il Cervino.

                                       Ma prima di morire
                                       ha ancor pregato
                                       che Dio maledica
                                       quell'alleato.

                     Che Dio maledica
                     chi ci ha tradito
                     lasciandoci sul Don
                     e poi è fuggito.

                                      Tedeschi traditori
                                       l'alpino è morto
                                       ma un altro combattente
                                       oggi è risorto.

                   Combatte il partigiano
                    la sua battaglia
                    tedeschi e fascisti
                    fuori d'Italia!

                                      Tedeschi e fascisti
                                       fuori d'Italia
                                       gridiamo a tutta forza
                                       pietà l'è morta!

           

 

                                       FISCHIA  IL  VENTO

                    Soffia il vento urla la bufera
                     scarpe rotte eppur bisogna andar
                     a conquistare la rossa primavera
                     dove sorge il sol dell'avvenir.

                                       Ogni contrada è patria del ribelle
                                       ogni donna a lui dona un sospir
                                       nella notte lo guidano le stelle
                                       forte il cuore e il braccio nel colpir.

                     Se ci coglie la crudele morte
                     dura vendetta verrà dal partigian
                     ormai sicura è già la dura sorte
                     di quei vili che ognor  cerchiam.

                                    Cessa il vento calma è la bufera
                                     torna a casa il fiero partigian
                                     sventolando la rossa sua bandiera
                                     vittoriosi alfin liberi siam.

           

 

                   CANZONE  DELLA  MARCIA DELLA PACE

                     E se Berlino chiama
                    ditele che si impicchi.
                     Crepare per i ricchi
                     No!  non ci garba più.

                                      E se la Nato chiama
                                      ditele che ripassi
                                      lo sanno pure i sassi
                                      no!  non ci si crede più.

                     Se la ragazza chiama
                     non fatela aspettare
                     servizio militare
                     solo con lei farò.

                                       E se la patria chiama
                                       Lasciatela chiamare
                                       oltre le alpi e il mare
                                       un’ altra patria c'è.

                     E se la patria chiede
                    di offrirgli la tua vita
                     rispondi che la vita
                     per ora serve a te.